Glossario

AIA: Autorizzazione Integrata Ambientale prevista dal D.Lgs. 152/06 e s.m.i.

Analisi ambientale: Analisi degli aspetti ambientali e degli effetti ambientali, relativi alle attività svolte in un sito.

Aspetto ambientale: Elemento di un’attività, prodotto o servizio di un’organizzazione che può interagire con l’ambiente. Un aspetto ambientale significativo è un aspetto ambientale che ha un impatto ambientale significativo.

Aromatici: Classe di composti organici contraddistinti dalla presenza di anelli benzenici od altri gruppi ciclici insaturi con orbitali molecolari analoghi al benzene.

Bonifica di un sito: Operazioni di rimozione o di immobilizzazione degli inquinanti presenti in un sito.

Biofiltro: Sistema filtrante per l’abbattimento del contenuto di sostanze organiche nelle emissioni in atmosfera basato su processi di degradazione biologica.

CER: Codice Europeo Rifiuti.

CSS – Combustibile Solido Secondario: Combustibile derivato da rifiuti che può essere utilizzato nei cementifici e nelle grandi centrali di produzione energetica.

Compost: Il risultato della decomposizione e dell'umidificazione della sostanza organica per effetto della flora microbica naturalmente presente nell'ambiente.

COT: Carbonio Organico Totale.

COV: Carbonio Organico Volatile: modo di esprimere la presenza di sostanze organiche volatili (ad es. solventi).

COVNM: Composti Organici Volatili Non Metanici.

DCGIS: Sistema informativo territoriale dinamico.

DOC: Carbonio Organico Disciolto.

Evento meteorico di precipitazione: Un evento di precipitazione preceduto da almeno 96 ore di assenza di precipitazioni.

FAV: Fibre Artificiali Vetrose.

Fornitore: Qualsiasi persona od organizzazione avente un rapporto contrattuale per la fornitura di prodotti e/o servizi, comprese le eventuali professionalità esterne di complemento a quelle aziendali. Sono sinonimi sub fornitore, consulente, appaltatore, subappaltatore (di primo o successivo livello), coproduttore.

Gestione rifiuti: Le attività definite dall’all. B e C alla parte IV del D.lgs. 152/06 e s.m.i.: la raccolta, il trasporto, il recupero e lo smaltimento dei rifiuti, compreso il controllo di queste operazioni.

HDPE o PEAD: Polietilene ad alta densità.

Impatto ambientale: Qualunque modificazione dell’ambiente, negativa o benefica, totale o parziale, conseguente ad attività, prodotti o servizi di un’organizzazione.

IPPC-complesso o industria: Struttura industriale o produttiva costituita da uno o più impianti nello stesso sito in cui lo stesso gestore svolge una o più delle attività elencate nell'allegato VIII della parte Seconda del D.Lgs. 152/06 e s.m.i.

Inertizzazione: Processo di stabilizzazione/solidificazione di un rifiuto condotto al fine di attenuarne la pericolosità.

IPA: Idrocarburi policiclici aromatici.

MOCF: Microscopia ottica a contrasto di fase, utilizzata per l'analisi delle fibre libere nell'aria.

Limite di rilevabilità: Minima concentrazione di una sostanza rilevabile attraverso l’analisi chimica condotta con un determinato metodo analitico.

Parte interessata: Individuo o gruppo coinvolto o influenzato dalle prestazioni ambientali di un’organizzazione.

PCB – PCDD – PCDF: Policlorobifenili - Policlorodibenzodiossine - Policlorodibenzofurani.

Piano di miglioramento o di gestione ambientale: Prospetto operativo-temporale che definisce le azioni da intraprendere al fine di raggiungere un obiettivo stabilito.

Percolato: Liquido che si genera all’interno del corpo rifiuti in una discarica, per l’apporto di acque meteoriche o interne ai rifiuti.

PM10: Frazione delle polveri aerodisperse inferiore a 10 µm.

Politica ambientale: Dichiarazione, fatta da un’organizzazione, delle sue intenzioni e dei sui principi in relazione alla sua globale prestazione ambientale, che fornisce uno schema di riferimento per l’attività, e per la definizione degli obiettivi e dei traguardi in campo ambientale.

Post-gestione: Periodo posteriore alla chiusura di una discarica in cui devono proseguire alcune attività di gestione, e la cui durata è definita dalle norme di legge o dagli atti autorizzativi.

Pre-gestione: Periodo precedente l’avvio della attività della discarica.

Prestazione ambientale: Risultati misurabili del sistema di gestione ambientale conseguenti al controllo esercitato dall’organizzazione sui propri aspetti ambientali, sulla base della sua politica ambientale, dei sui obiettivi e dei sui traguardi.

Pre-stoccaggio: In discarica è il deposito temporaneo dei rifiuti, in attesa del completamento dei controlli necessari, prima dello smaltimento definitivo.

Prevenzione dell’inquinamento: Uso di processi (procedimenti), prassi, materiali o prodotti per evitare, ridurre o tenere sotto controllo l’inquinamento, compresi il riciclaggio, il trattamento, i cambiamenti di processo, i sistemi di controllo, l’utilizzazione efficiente delle risorse e la sostituzione di materiali.

Prima pioggia: I primi 5 mm di un evento meteorico di precipitazione.

Produttore o conferitore: La persona fisica o giuridica la cui attività ha prodotto rifiuti.

Programma di miglioramento o di gestione ambientale: Descrizione delle misure (con indicazione delle responsabilità, dei mezzi e delle scadenze) da intraprendere o intraprese per raggiungere obiettivi e traguardi ambientali.

PTS: Polveri Totali Sospese.

Rifiuto: Qualsiasi sostanza od oggetto di cui il detentore si disfi, ne abbia l'intenzione o abbia l'obbligo di disfarsi.

Scrubber: Impianto di depurazione ad umido delle emissioni in atmosfera.

SEM: Microscopio a scansione elettronica. Utilizzato fra l'altro per l'analisi dell'amianto.

Sicurezza: Tutte le azioni ed i mezzi predisposti e necessari a prevenire danni alle cose, all'ambiente e alle persone addette o non addette al servizio.

Sistema di gestione ambientale: La parte del sistema di gestione generale che comprende la struttura organizzativa, le attività di pianificazione, la responsabilità, le prassi, le procedure, i processi, le risorse per elaborare, mettere in atto, conseguire, riesaminare e mantenere attiva la politica ambientale.

Sito: Area privata o pubblica, a destinazione o agricola, o residenziale, o a verde o produttiva.

Smaltimento: Operazione di segregazione, trasformazione od eliminazione dei rifiuti, senza pericolo per la salute dell’uomo e senza usare procedimenti o metodi che possano recare pregiudizio all’ambiente.

Stoccaggio: Le attività di deposito preliminare dei rifiuti, incluse le operazioni di messa in riserva degli stessi per sottoporli a successiva selezione, smaltimento o recupero.

SOV: Sostanze Organiche Volatili (solventi, idrocarburi leggeri ed ogni sostanza organica volatile a temperatura ambiente). Vedi anche COV.

TAR: Tribunale Amministrativo Regionale.

TDS: Solidi Totali Disciolti.

Traguardo ambientale: Dettagliata richiesta di prestazione, possibilmente quantificata, riferita a una parte o all’insieme di un’organizzazione, derivante dagli obiettivi ambientali e che bisogna fissare e realizzare per raggiungere questi obiettivi.

Trasporto: Qualsiasi operazione di trasferimento di rifiuti da un luogo all’altro (V. art.1678 c.c.: “Col contratto di trasporto il vettore si obbliga, verso corrispettivo, a trasferire persone o cose da un luogo a un altro”).

VIA: Valutazione di Impatto Ambientale, una procedura amministrativa richiesta dall'autorità competente, come il Ministero dell'Ambiente o la Regione, per valutare gli impatti ambientali di una attività da approvare o autorizzare.

Verifica ispettiva (Audit): Processo sistematico, indipendente e documentato per ottener evidenza e valutarla con obiettività al fine di stabilire in quale misura si è ottemperato ai criteri della verifica ispettiva.

Zonizzazione acustica: Classificazione in zone dei territori comunali ai sensi del DPCM 1/3/1991, effettuata ai fini di stabilire valori limite di esposizione al rumore nell’ambiente esterno per ciascuna zona.